Pagine

sabato 11 gennaio 2020

Il Pinocchio di Garrone


L'adattamento di Pinocchio ad opera di Matteo Garrone non delude: ottima prova attoriale di Benigni nelle vesti di Geppetto, perfetta l'ambientazione toscana e la trasposizione cinematografica del romanzo di Collodi, fedelissima all'originale (e per questo non capita da tutti): la Fata Turchina è il fantasma di una bambina morta (poi riappare adulta, metamorfosi spesso tagliata nelle varie rappresentazioni), assistiamo all'impiccagione di Pinocchio ad opera del Gatto e della Volpe, scene considerate dal buon costume odierno poco adatte ad un pubblico di ragazzi, nonostante sia abituato a scene più cruente.
Scenari ricostruiti con cura del dettaglio, utilizzo sapiente degli effetti speciali e fedeltà all'opera fanno di questo film una gemma preziosa, per questi motivi non condivido le critiche rivolte al regista e gli inviti a dedicarsi ad altri generi: ha realizzato un adattamento migliore di tanti film hollywoodiani.
Dovremmo saper apprezzare le produzioni italiane ben riuscite, invece le affossiamo, d'altronde è il vero sport nazionale, altro che il calcio...

Nessun commento:

Posta un commento